Autotrasporto: 550 miliardi di perdite a livello globale

Una nuova ricerca dell’IRU mostra che oltre 3,5 milioni di operatori di trasporto su strada a livello globale stanno affrontando perdite finanziarie senza precedenti quest’anno, a causa delle restrizioni sui trasporti e della recessione economica generale causata dalla pandemia.


Le aziende di trasporto merci a livello globale prevedono un calo medio del 18% del fatturato nel 2020, per un totale di 551 miliardi di EUR.

Significativo è l’impatto nelle regioni del Medio Oriente e Nord Africa (-22%) e in Asia (-21%); in Europa è il calo è di 64 miliardi di euro (-17%)

Le aziende in Argentina, Cina e Iran registrano un calo di oltre il 30%.

Sia le società di trasporto merci che quelle di trasporto passeggeri hanno riferito che sono state introdotte più restrizioni rispetto alle misure di agevolazione durante i periodi di massimo confinamento, con un ulteriore impatto sul settore.

“I servizi di trasporto su strada sono fondamentali per le economie e le comunità di tutto il mondo”, ha affermato il segretario generale dell’IRU Umberto de Pretto. “Questi nuovi risultati sono allarmanti. Ogni singolo operatore del trasporto su strada che fallirà avrà un impatto sulla circolazione di persone e merci “.

Sono necessarie chiare misure di risanamento

L’IRU ha pubblicato un piano di recupero in 10 punti, con misure finanziarie e non finanziarie per governi e banche, per sostenere gli operatori del trasporto su strada in difficoltà, facilitare la circolazione di persone e merci e favorire la ripresa globale, ma molto poco, e in alcuni casi nulla , è successo da allora.

“Abbiamo visto molti governi adeguare le normative e annunciare pacchetti di recupero, ma i dettagli per gli operatori del trasporto su strada sono generalmente vaghi”, ha affermato Umberto de Pretto.