Le agevolazioni per la logistica nel Decreto Rilancio

Il Decreto “Rilancio” da 55 miliardi, varato per far fronte agli effetti sull’economia provocati dalla pandemia Covid-19 l’emergenza sanitaria sta producendo sull’economia, prevede anche specifiche agevolazioni per il settore della logistica:

Estensione alla logistica del credito d’imposta per investimenti al Sud (art.199 c.5): il credito di imposta per investimenti nelle regioni meridionali introdotto dall’art.1 commi 98-107 della legge n.208/2015 è applicabile ai soggetti operanti nei settori del magazzinaggio e delle spedizioni internazionali e in generale a quelli classificati col codice Ateco 52. Il settore della logistica diventa beneficiario anche degli incentivi previsti per gli investimenti nelle Zone Economiche Speciali.

Proroga del pagamento dei diritti doganali (art. 161): i pagamenti periodici e differiti dei diritti doganali in scadenza tra la data dell’1 maggio e il 31 luglio 2020 sono prorogati di 60 giorni senza applicazione di sanzioni e interessi. L’agevolazione si applica su istanza di parte e le modalità concrete di applicazione saranno stabilite con determinazione del Direttore dell’Agenzia Dogane e Monopoli. Già le scadenze dei periodici e differiti dei mesi di marzo e aprile erano state rinviate di 30 giorni per tutti gli operatori della filiera logistica, sulla base dell’articolo 61 del DL Cura Italia.

Nel documento allegato qui sotto contentute le numerose disposizioni del provvedimento di carattere tributario valevoli per tutti i settori, logistica compresa.

Disposizioni Tributarie