MAN Truck & Bus Italia per l’Arena di Verona e la rinascita dell’attività culturale

MAN Truck & Bus Italia ha aderito al progetto di fundraising “67 colonne per l’Arena di Verona”, ideato per sostenere il rilancio dell’attività concertistica e culturale dell’anfiteatro veronese.

MAN-Italia-e-Arena-di-Verona.jpg

Il legame tra MAN Truck & Bus Italia e la città di Verona è stato più volte
ribadito nel corso di questi anni, nei quali la sede italiana dell’azienda
tedesca ha costituito una solida realtà commerciale nel capoluogo veneto.
Non poteva quindi cadere nel vuoto l’appello di Fondazione Arena alle
aziende che operano sul territorio per contribuire al rilancio dell’attività
artistica, dopo l’anno perso a causa della pandemia da Covid-19. Infatti,
l’edizione incompleta del Festival 2020, ha confermato quanto l’economia
della città sia indissolubilmente legata al suo Anfiteatro, che genera un giro
d’affari globale di oltre 500 milioni di euro sul territorio.

Il progetto di fundraising “67 colonne per l’Arena di Verona” è nato quindi con
l’idea di ricreare un ideale anello intorno all’anfiteatro sostenuto dagli
imprenditori che hanno voluto partecipare al sostegno di questo patrimonio
culturale della città, e tra questi MAN Truck & Bus Italia. A simboleggiarlo, le
67 colonne degli arcovoli distrutti dal terremoto del 1117.

Dal 10 agosto 1913, quando per la prima volta andò in scena sul palco
veronese l’Aida, per celebrare i cento anni dalla nascita di Giuseppe Verdi,
ogni anno l’Arena di Verona si trasforma nel teatro sotto le stelle più grande
al mondo. Ancora oggi Aida è l’opera regina della rassegna, richiamando
ogni estate spettatori da ogni angolo del mondo, desiderosi di vivere la magia
unica dell’opera lirica in Arena. L’anfiteatro romano si combina con la
maestosità delle scenografie e delle coreografie, rendendo l’Arena Opera
Festival un evento unico al mondo, capace di suscitare emozioni che si
imprimono in modo indelebile nel cuore degli spettatori.