Mercato autocarri: continua il recupero a marzo

mercato autocarri marzo 2021

Il mercato degli autocarri e dei veicoli trainati, dopo un primo bimestre 2021 in crescita grazie anche al supporto degli incentivi del primo periodo di prenotazione del Decreto Investimenti (D.M. n. 203 del 12 maggio 2020), a marzo prosegue il trend positivo. Gli incrementi a doppia cifra del terzo mese dell’anno risultano tuttavia falsati dal confronto con i volumi particolarmente bassi di marzo 2020 (-33,5% per gli autocarri e -60,1% per i veicoli trainati), mese che ha profondamente risentito dell’impatto delle misure emergenziali anti-Covid, tra cui la chiusura dei concessionari e delle reti di vendita su tutto il territorio nazionale, nonché il blocco dell’iter di immatricolazione derivante dalla sospensione delle attività del personale delle motorizzazioni provinciali.

Analizzando nel dettaglio il mercato di marzo 2021, nel mese sono stati rilasciati 2.362 libretti di circolazione di nuovi autocarri (+71,3% rispetto a marzo 2020) e 1.427 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3.500 kg (+97,1%), suddivisi in 133 rimorchi (+82,2%) e 1.294 semirimorchi (+98,8%).

Nel primo trimestre 2021 si contano 6.748 libretti di circolazione di nuovi autocarri, il 25,4% in più rispetto al primo trimestre 2020, e 3.885 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti (+34,2% rispetto a gennaio-marzo 2020), così ripartiti: 350 rimorchi (+44%) e 3.535 semirimorchi (+33,2%).

Per gli autocarri, a gennaio-marzo 2021, tutte le aree geografiche italiane registrano incrementi a doppia cifra: +36,5% il Nord-Ovest, +25,3% il Nord Est, +24,5% l’area del Sud e Isole e +12,6% le regioni del Centro.
Per classi di peso, sono i veicoli da 16 tonnellate in su a registrare la crescita maggiore, +27,6% sul primo trimestre 2020 con 5.738 unità vendute, mentre riportano una flessione gli autocarri con peso superiore a 5 e inferiore a 6 tonnellate (-8,7%) e quelli superiori a 8 tonnellate e fino a 11,5 (-14%) e tutte le altre classi sono in rialzo a doppia cifra.

Gli autocarri rigidi risultano in aumento del 20,7% nel trimestre, mentre i trattori stradali crescono del 29,8%. Sia i veicoli da cantiere che i veicoli stradali si mantengono positivi nel primo trimestre dell’anno, rispettivamente a +38% e +24,4%.
Guardando al mix delle alimentazioni, a gennaio-marzo 2021 la quota di mercato dei veicoli alimentati a gas risulta del 6,5% (era 6,2% a gennaio-marzo 2020), per un totale di 441 unità, mentre gli autocarri elettrici e ibridi gasolio/elettrico rappresentano appena lo 0,2% del totale (era 0,3% a gennaio-marzo 2020).
Anche per i veicoli trainati, nel trimestre si registra una crescita a doppia cifra in tutte le aree geografiche: +50,4% per le regioni del Centro, +46,7% nel Nord-Est, +25,6% nel Nord-Ovest e +25,4% nell’area Sud e isole.

Le marche estere totalizzano 2.244 libretti di circolazione (+41,8%), mentre le marche nazionali, con 1.641 libretti, crescono del 25%. Per sostenere la ripresa del comparto autocarri e veicoli trainati e spingere la diffusione delle tecnologie a basso impatto ambientale ed elevati standard di sicurezza, occorre confermare le tempistiche già programmate per gli incentivi prefigurati dal DM 203/20, che prevede il secondo periodo di prenotazione dal 14 maggio al 30 giugno prossimi.

Non è infatti sostenibile prefigurare proroghe e/o ritardi su un processo di rinnovo e adeguamento tecnologico a favore dell’ambiente e della sicurezza che, per essere davvero efficace, implica tempi di prenotazione e immatricolazione il più rapidi possibile, e che è stato virtuosamente introdotto con i recenti Decreti di incentivazione al rinnovo del parco dei veicoli commerciali in Conto Terzi.

Nel merito, occorre lavorare con il massimo della concertazione anche per far confluire tutte le risorse finora non impiegate nel Fondo Investimenti di cui al DM 203/20, incluse quelle stanziate nell’ambito della Legge “Fiscale” n.157/19.

ANFIA ribadisce quindi l’importanza di approvare entro quest’anno le modalità attuative delle risorse per gli investimenti previsti dal nuovo Fondo Autotrasporto 2021-22 e relative ulteriori risorse provenienti da altre fonti.
Sviluppare in maniera capillare e omogenea sul territorio le infrastrutture per i veicoli a emissioni zero – compresa l’infrastrutturazione per il rifornimento di veicoli commerciali ad alimentazione Idrogeno a 700 bar – e incentivare i sistemi innovativi per la logistica e il trasporto «intelligente», inoltre, sono tra le priorità indicate da ANFIA.

Infine, prevedere una misura di rottamazione per i veicoli rimorchiati di tutte le categorie consentirebbe di accelerare il rinnovo del parco a beneficio della sicurezza anche per questo specifico comparto.

Il mercato degli autobus con ptt superiore a 3.500 kg nel mese registra 333 nuove unità, con un incremento del 6,1% rispetto a marzo 2020. Nel terzo mese del 2021, riportano una crescita a doppia cifra i minibus (+10,7%) – in pesante calo a febbraio – e gli scuolabus (+61,9%), mentre per gli autobus e midibus turistici l’incremento è del 5,9% – in recupero sulla forte contrazione di febbraio – e gli autobus adibiti al TPL registrano
Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica una variazione negativa di appena l’1% (-35,6 a febbraio), derivante da un rialzo del 31% del segmento urbano e una flessione del 23,5% degli interurbani.

Nei primi tre mesi del 2021, i libretti di autobus rilasciati sono 977 (-13,8%, rispetto a gennaio-marzo 2020). Calano a doppia cifra gli autobus e midibus turistici (-61,4%) e i minibus (-47,5%), mentre chiudono positivamente il trimestre gli autobus adibiti al TPL (+6,1%; pur con una flessione del 20,3% per gli interurbani) e gli scuolabus (+35,7%).

“Il comparto autobus chiude con indici in negativo il primo trimestre, pur con qualche segnale di miglioramento a marzo – dichiara Giovanni De Filippis, NeoPresidente della Sezione Autobus di ANFIA. Pesano i ritardi nell’esecuzione delle gare di acquisto per i veicoli finanziati e le difficoltà del settore turistico. Sarà importante, per la ripresa del comparto, l’attuazione rapida degli interventi previsti a supporto della transizione ambientale”.

Secondo l’alimentazione, la quota di mercato degli autobus alimentati gas è del 3,3% nel primo trimestre 2021 (contro il 9,4% del primo trimestre 2020), mentre gli elettrici e ibridi gasolio/elettrico rappresentano il 6,2% (1,6% a gennaio-marzo 2020).
A livello territoriale, infine, la flessione più significativa per il mercato degli autobus del primo trimestre 2021 si registra nelle regioni del Nord-Ovest (-56,1%), seguita dal calo delle regioni del Nord-Est (-49,2%). Registrano, invece, un trend positivo le regioni del Centro (+14,8%) e l’area del Sud e isole (+29,1%).