Scania introduce nuove soluzioni e-mobility

In arrivo il trattore a 44 ton e l’ampliamento della gamma autotelai

224
Scania 45 R BEV 4x2, tractor unit

Come prefisso nella roadmap dell’elettrificazione, Scania ora introduce nuove soluzioni di autocarri elettrici. Oggi, sono disponibili anche le cabine R e S con zona notte per i veicoli a batteria, idonee per un ampio numero di clienti e applicazioni. Grazie alle nuove batterie da 624 kWh e all’ampliamento della gamma e-mobility, Scania mette a disposizione strumenti concreti per guidare il cambiamento verso l’elettrificazione anche nelle applicazioni regionali.

Questo lancio rappresenta una pietra miliare per noi e per i nostri partner”, afferma Christian Levin, CEO di Scania. “In questo momento, stiamo implementando tutta la nostra gamma prodotti in ogni dimensione, offrendo nuove opportunità a un ampio spettro di clienti e all’intero ecosistema dei trasporti. Questi nuovi veicoli elettrici sono parte integrante delle risposte di Scania a tutte le richieste che il mondo dei trasporti desideroso di elettrificazione ha avanzato”.

Modularità, sostenibilità ed economia operativa totale, sono i capisaldi su cui Scania ha sviluppato le nuove soluzioni elettrificate che potenzialmente si offrono di pareggiare o addirittura superare quello che ci si aspetta da un autocarro con propulsione tradizionale.

Scania supporta i propri clienti anche con una consulenza riguardante i servizi, l’infrastruttura di ricarica, l’aspetto finanziario, assicurativo e di manutenzione e riparazione, offrendo una soluzione completa.

“L’ampliamento della gamma e-mobility rappresenta un ulteriore passo avanti per Scania verso i clienti desiderosi di effettuare il passaggio ad un trasporto elettrico”, afferma Fredrik Allard, Senior Vice President and Head of Electrification in Scania. “Stiamo agevolando la transizione verso un mondo dei trasporti più sostenibile insieme ai nostri clienti che hanno come obiettivo un trasporto a emissioni zero”.

Scania amplia la propria gamma e-mobility, introducendo il trattore a 44 ton e l’ampliamento della gamma autotelai, tutte soluzioni adatte al trasporto regionale con massa totale a terra fino a 64 tonnellate. L’aggiornamento del portfolio e-mobility per Scania rappresenta un’ulteriore opportunità per i clienti che vogliono effettuare il passaggio ad un trasporto a zero emissioni elettrificato.

Grazie ai nuovi autocarri Scania, i clienti saranno in grado di utilizzare autotelai o trattori stradali con semirimorchio, come nel caso del trasporto di alimenti a temperatura controllata. Le autonomie variano a seconda della massa complessiva, della configurazione e della topografia: ad esempio, un trattore 4×2 a sei batterie ha un’autonomia fino a 350 km con una singola ricarica, ad una velocità media di 80 km/h in autostrada e una massa complessiva di 40 ton. I contesti più vantaggiosi sono le tratte fisse che prevedono una ricarica programmata presso il deposito oppure alla destinazione finale. L’opportunità di una ricarica del veicolo durante i 45 minuti obbligatori di riposo per l’autista incrementa ovviamente l’autonomia operativa.

Scania ha ormai raggiunto una notevole maturità della propria offerta elettrificata”, afferma Allard. “Dopo il recente aggiornamento dei veicoli ibridi per la distribuzione urbana introdotti a fine 2020, con oggi siamo in grado di offrire ai nostri clienti un’ampia e diversificata gamma di soluzioni a emissioni zero”.

I nuovi autocarri elettrici Scania sono disponibili nella versione trattore stradale 4×2 o autotelai 6×2*4. Il trattore 4×2 ha un passo pari a 4.150 mm con sei batterie installate, sfruttando la deroga permessa dal regolamento europeo “Increased Vehicle Dimension”. Anche la massa complessiva di 64 tonnellate tipica dei Paesi nordici, può essere specificata.

La potenza di ricarica massima è fino a 375 kW, questo significa aggiungere 270-300 km di autonomia in un’ora di ricarica. La potenza in continuo per uno Scania 45 R o 45 S è di 410 kW (equivalente a circa 560 CV). Gli ordini dei nuovi autocarri elettrificati Scania, possono essere effettuati contattando i rappresentanti Scania, mentre la produzione avrà inizio nel quarto trimestre del 2023.

Per affrontare le sfide globali legate alle emissioni di CO2 tutti noi dobbiamo produrre e consumare in modo nuovo”, afferma Levin. “Ridurre, riutilizzare e riciclare sono sempre state azioni fondamentali per Scania. L’unica cosa che si frappone tra noi e un trasporto privo di combustibili fossili è una capillare infrastruttura di ricarica, anche se stiamo facendo grandi progressi in tal senso”.

La disponibilità di soluzioni di ricarica è cruciale per i clienti europei che desiderano investire in autocarri elettrici. Per questo Scania, collaborando con partner globali si prefigge l’obiettivo di essere il punto di riferimento in grado di offrire soluzioni di ricarica complete volte a garantire un’esperienza impareggiabile e a prova di futuro per tutti i clienti che operano in elettrico.

Clicca qui per vedere il video